Ida Gut

Ida Gut
© Foto: Franz Rindlisbacher

Ida Gut

Design di moda con precisione architettonica 

Da quasi 30 anni Ida Gut crea moda con un tratto inconfondibile. È una delle più famose stiliste svizzere: il suo marchio è sinonimo di tecniche di taglio uniche, materiali pregiati, artigianalità e continuità professionale.

Cresciuta ad Appenzello, ha completato un apprendistato da sarta e si è laureata alla Zürcher Hochschule der Künste. Nel 1993 ha presentato la sua prima collezione. Tre anni dopo ha aperto il suo primo negozio nel pieno centro di Zurigo, coniugando perfettamente le attività di creazione e vendita. Nel 2007 ha infine trasferito il suo atelier in Ankerstrasse 112, nel Kreis 4.

Ida Gut è considerata una maestra nell’arte del taglio. In ogni suo pezzo si ritrovano curiosità, disciplina e grandi competenze, con una chiara visione della bellezza senza fronzoli. Durante lo sviluppo prova i tagli, li scarta, li evolve: ogni dettaglio deve coincidere con l’idea generale e la materialità. Afferma che le piace mostrare il processo di strutturazione di un capo di abbigliamento o trattarne la complessità. Insomma, l’idea di essere avvolti senza essere totalmente coperti. Per l’artista il design di moda è sinonimo di precisione architettonica.
Le peculiarità di una stoffa possono anche ispirare la forma di una silhouette. Una tecnica impegnativa permette alla designer di ricavare maniche e schiena da un unico pezzo, spesso senza cuciture. La stoffa cade quindi sulle maniche obliquamente rispetto al senso di tessitura, formando soffici pieghe e avvolgendo il corpo.

La scelta e l’utilizzo accurati di materiali di alta qualità e di stoffe speciali ma adatte a tutti i giorni sono un altro aspetto caratteristico di Ida Gut: combinare materiali funzionali con stoffe stravaganti è la sua specialità. Per molti anni si è servita con successo della sua profonda conoscenza del design di moda per sviluppare i tessuti di un’azienda tedesca. Oltre alle stoffe, dal 2000 concepisce anche straordinarie linee di abbigliamento, come le tenute del personale impiegato al padiglione svizzero dell’Expo di Hannover dello stesso anno o gli indumenti da lavoro dei circa 40 000 collaboratori e collaboratrici della Migros, che alcuni anni dopo ha rivisto e ampliato. Per le divise di una catena alberghiera ha giocato con alcuni elementi dei costumi tradizionali appenzellesi. Un grande riconoscimento lo ha ottenuto vincendo il bando per le divise del personale di bordo e di terra della Swissair, un compito particolare rimasto purtroppo irrealizzato a causa del grounding della compagnia aerea.

Tutti i capi di Ida Gut sono prodotti in Svizzera. La vicinanza delle sedi produttive garantisce processi semplici e flessibili. In tal modo, la designer risponde al sempre più rapido susseguirsi di collezioni e pre-collezioni con una produzione continua che le consente di soddisfare le nuove esigenze e le richieste di riassortimento. L’artista riconosce il grande valore di una buona e affidabile collaborazione, basata su una comprensione integrale e condivisa dell’idea concettuale e della sua concretizzazione. Solo in questo modo è possibile produrre individualità. Secondo la stilista, l’innovazione avviene dove la catena di produzione è integra e vi è uno scambio di sapere in entrambe le direzioni. La stretta e proficua collaborazione con il consiglio d’amministrazione della società per azioni garantisce una crescita sana, grazie all’attenta analisi del mercato della moda, alla costante ottimizzazione dei processi, alla sperimentazione di nuovi formati di vendita e al continuo sviluppo della comunicazione. Questo e l’intenso scambio di idee tra le sei persone che compongono il team sono la ricetta del successo di Ida Gut.

In un’epoca in cui l’industria della moda si trova notevolmente sotto pressione, l’artista garantisce la continuità nel tempo proponendo in un ambiente esclusivo prodotti non convenzionali e di alta qualità, e una consulenza esperta e personalizzata. La clientela, principalmente femminile, si reca appositamente nel suo negozio, non solo perché sa che troverà una consulenza specifica, ma anche per l’architettura d’interni dell’ex fabbrica, esplicitamente sviluppata intorno ai desideri della stilista e che parla quindi lo stesso linguaggio dei prodotti esposti.

Con un design chiaro e un’estetica semplice, i capi di abbigliamento di Ida Gut convincono soprattutto per la buona vestibilità e il forte carattere espressivo, che varia a seconda di chi li indossa. Riesce sempre a creare un design nuovo e intramontabile per persone di tutte le età e tutte le forme, mantenendo gli stessi canoni di stile, qualità e innovazione. Con Ida Gut il desiderio di comodità, che rende un capo di abbigliamento irrinunciabile, è diventato realtà.

Mirjam Fischer